Almanacco del giorno
Buongiorno a tutti. Oggi

15 Maggio 2024 Mercoledì
7a Set. di Pasqua
S.Isidoro, l'agricoltore

Liturgia della Messa   
Colore liturgico: bianco

Liturgia delle Ore
7a SETTIMANA DI PASQUA
Mercoledì


Alla scuola di Ges
Vangelo secondo Giovanni/b>
In quel tempo, [Ges, alzti gli occhi al cielo, preg dicendo:] Padre santo, custodiscili nel tuo nome, quello che mi hai dato, perch siano una sola cosa, come noi. Quandero con loro, io li custodivo nel tuo nome, quello che mi hai dato, e li ho conservati, e nessuno di loro andato perduto, tranne il figlio della perdizione, perch si compisse la Scrittura. Ma ora io vengo a te e dico questo mentre sono nel mondo, perch abbiano in se stessi la pienezza della mia gioia. Io ho dato loro la tua parola e il mondo li ha odiati, perch essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Non prego che tu li tolga dal mondo, ma che tu li custodisca dal Maligno. Essi non sono del mondo, come io non sono del mondo. Consacrali nella verit. La tua parola verit. Come tu hai mandato me nel mondo, anche io ho mandato loro nel mondo; per loro io consacro me stesso, perch siano anchessi consacrati nella verit.

Commento

Il sentirsi soli e abbandonati forse la pi grande e difficile prova. Manca tutto, il rapporto, un colloquio, un confronto, anche solo la presenza. Per i discepoli sentire le parole che in questi giorni ascoltiamo, deve essere stato lancinante. E soprattutto dopo la morte di Ges, i sensi di colpa per averlo abbandonato, tradito ed essere fuggiti lasciandolo solo nella morte, avranno riempito i loro momenti di vita, che non era pi vivere, perch non c'era pi Ges. Eppure, qualcosa accaduto, perch non solo hanno superato questi momenti, ma hanno affrontato le avversit. Ges l'aveva predetto e, anzi, non voleva toglierli da queste prove: "non prego che tu li tolga dal mondo". Ricordando sempre il significato profondo del termine "mondo" che quello di prova, di esperienze di male. Il volere di Ges rivolto al Padre per che i suoi amici siano custoditi "dal Maligno". E la storia si ripete con la comunit di Efeso, dove san Paolo dir, in quel bellissimo e struggente discorso di addio ai suoi discepoli: "so che dopo la mia partenza verranno fra voi lupi rapaci". E sar cos per i secoli che verranno, ma il Vangelo continuer ad essere testimoniato con la medesima forza. Ges ci dona il suo Spirito affinch la fede non venga meno e per questo dice: "consacro me stesso, perch siano anchessi consacrati nella verit".

SALMO
Mostra, o Dio, la tua forza, conferma, o Dio, quanto hai fatto per noi!

PROPOSITO
Solo la forza dello Spirito Santo può confermarci nella fede. Invochiamolo in questa settimana che ci prepara alla Pentecoste. Buona giornata.

Chiudi